Sottoprogetto 5.1.3 - "Catalogo strumentale dei terremoti dal 1981 al 1996"

P. Augliera (Uni GE), M. Cattaneo (Uni GE), H. Coppari (OGS MC), R. Di Giovambattista (ING RM), G. Durì (OGS TS), M. Frapiccini (OGS MC), P. Gasperini (Uni BO), A. Gervasi (Uni CS), A. Govoni (OGS TS), I. Guerra (Uni CS), A. Marchetti (ING RM), P. Marsan (SSN RM), G. Milana (SSN RM), G. Monachesi (OGS MC), A. Moretti (Uni CS), L. Moroncelli (ING RM), L. Orlanducci (Uni BO), S. Parolai (OGS MC), G. Renner (OGS TS), D. Spallarossa (Uni GE), L. Trojani (OGS MC), G. Vannucci (Uni BO)

Presentazione del CDROM

Questo CDROM, che esce con circa un anno di ritardo rispetto alla formale conclusione del progetto GNDT 98, raccoglie tutto il materiale prodotto nell’ambito delle attività del sottoprogetto 5.1.3. Sottoprogetto che, va ricordato, ha rappresentato un’occasione unica di incontro e collaborazione fattiva tra operatori di reti diverse che fino a quel momento avevano operato quasi indipendentemente. 

Se è vero infatti che lo scambio dei dati tra le varie reti è stato quasi sempre attivo in questi ultimi 20 anni, è anche vero però che non era stato fino ad ora standardizzato e reso continuo e completo. Esso avveniva in passato per lo più su base volontaristica e talvolta diventava sporadico o anche cessava del tutto quando sia le condizioni di lavoro che l’impegno personale dei vari operatori diventavano più difficili. Il merito di questo sottoprogetto è stato quello di stabilire uno standard di riferimento (formati di input e di output, file unificato delle stazioni, calcolo della magnitudo ecc.) che potrà essere utilizzato in futuro per ulteriori aggiornamenti e completamenti, sia inserendo i dati di altre reti che per motivi di tempo e di impegno non sono state ancora incluse, sia procedendo ad una più approfondita e dettagliata localizzazione con modelli di velocità appropriati a scala locale. 

Occorre dire a questo proposito che la modesta entità dei fondi assegnati al progetto stesso (50 ML in tutto per 5 U.R.) non ha permesso di completare una dettagliata analisi delle soluzioni epicentrali che nel database qui fornito rappresentano essenzialmente più “un indice di riferimento” che una vera e propria rilocalizzazione di precisione (vedi i dettagli nel file Loc.htm), ne di procedere a ulteriori elaborazioni come verifica delle polarità o delle tarature. 

Nel CDROM trovano posto sia i dati veri e propri che i testi delle relazioni che costituiscono il rendiconto delle varie Unità di Ricerca. Purtroppo il dilungarsi di alcune operazioni e l’inizio impellente di nuovi progetti hanno impedito la stesura di un testo unitario omnicomprensivo delle attività effettuate. Riteniamo però che chi è interessato possa trovare tutte le informazioni necessarie consultando i vari documenti che vengono qui allegati in formato HTML. In particolare nel file Sem.htm è riportata integralmente la Relazione Semestrale contenente informazioni sullo stato delle diverse reti alla data della sua stesura (Febbraio 1999) che ha fatto da base alla compilazione di un file delle caratteristiche di stazione in formato MS Excel (Stazioni.xls). Nel file Fin.htm è invece riportato il testo del consuntivo finale inviato alla presidenza del GNDT nel Dicembre 1999 con i contributi sintetici delle varie U.R. mentre nel testo Mag.htm è riportato il rapporto del lavoro di rivalutazione della magnitudo effettuato presso l’U.R. di Bologna. Il file Umb.htm infine contiene il rapporto finale della rilocalizzazione di precisione effettuata, in collaborazione anche con il Sottoprogetto 5.1.1 limitatamente all’area Umbro-Marchigiana.

Per quanto riguarda i dati, essi sono contenuti nella cartella dati in formato “archive” (1981.dat, 1982.dat, 1983.dat, 1984.dat, 1985.dat, 1986.dat, 1987.dat, 1988.dat, 1989.dat, 1990.dat, 1991.dat, 1992.dat, 1993.dat, 1994.dat, 1995.dat, 1996.dat) di Hypoellipse (utilizzabili come input sia per lo stesso codice Hypoellipse che anche per altri codici di localizzazione come Hypo71, Hypoinverse ecc.). Viene inoltre fornito file riassuntivo delle localizzazioni più affidabili (Italia.sum) in formato “summary record” di Hypoellipse (il formato di questi file è descritto nel testo Formati.htm). Per la sola area Umbro-Marchigiana, in cui il lavoro di riorganizzazione e rilocalizzazione è stato più accurato, viene anche fornito il file Umbriam.sum in formato “summary record” di Hypo71. Allo scopo di facilitare il lavoro a chi proseguirà l’opera di unificazione e di rilocalizzazione, sono forniti anche i file di input delle stazioni (Stazioni.dat) e dei parametri di controllo (Control1.dat, Control2.dat, Control3.dat) utilizzati per le elaborazioni con Hypoellipse. La magnitudo che in base al lavoro sopra citato è ritenuta preferibile per le stime statistiche e di pericolosità è riportata alle colonne 37-38 del record riassuntivo di evento (preferred magnitude). Per facilitare queste elaborazioni viene anche fornito un file (Catalogo.dat) nello stesso formato del catalogo del Progetto Finalizzato Geodinamica di cui questo file rappresenta l’ideale continuazione.

Vorremmo infine segnalare che per il ritardo accumulato nelle fasi precedenti, l’edizione di questo CDROM viene effettuata in tempi abbastanza ristretti. E’ quindi possibile che errori o dimenticanze siano presenti, sia nei testi che nei dati forniti, in misura superiore a quanto normalmente è lecito attendersi. Per questo motivo preghiamo tutti gli utenti di questo CDROM di segnalare la presenza di tali circostanze agli scriventi (possibilmente via e-mail) e di controllare periodicamente il sito internet del progetto (http://gaspy.df.unibo.it/paolo/gndt.html ) presso il quale saranno tempestivamente indicate notizie, correzioni o aggiornamenti dei dati. 

I coordinatori del Sottoprogetto

          Paolo Gasperini                      Giancarlo Monachesi

(e-mail paolo.gasperini@unibo.it)     (e-mail: geo@wnt.it)